Cerca

Siamo in un periodo di grandi cambiamenti. La distribuzione si sta concentrando e sta chiedendo alla produzione di procedere nella stessa direzione. Più a valle nella filiera c’è il consumatore, che ha sempre meno tempo da dedicare alla cucina e sempre più voglia di mangiare sano e comodo.


Con queste premesse “di mercato”, risulta di particolare valore la rete di imprese che è stata costituita nel 2018 da tre aziende leader del settore ortofrutticolo con l’obiettivo di qualificare il carciofo italiano. Le tre aziende in questione sono: Apofruit Italia, cooperativa di produttori ortofrutticoli composta da oltre 4 mila soci su tutto il territorio nazionale e sede principale a Cesena; Cericola, azienda con sede a Ordona (Foggia) nel cuore del tavoliere delle Puglie, costituita dalla famiglia Cericola per valorizzare e sviluppare i migliori prodotti ortofrutticoli pugliesi; La Mongolfiera del gruppo Fratelli Giardina, tra le aziende storiche e di punta della Sicilia, oggi condotta da Salvatore e Silvio Giardina. Al fianco delle aziende produttrici, c’è BASF Vegetable Seeds, azienda sementiera che con il suo brand Nunhems è tra i leader mondiali del breeding varietale.


L’incrocio tra l’esperienza di coltivazione delle aziende della rete e i prodotti Nunhems permette una calendarizzazione più ampia e di essere presenti con un carciofo italiano sul mercato per un periodo di 9-10 mesi, da ottobre a giugno. “Ringiovanire il prodotto”, legandolo a un brand forte, con packaging e attività di marketing a supporto, destagionalizzarlo e garantire la massima qualità, tracciabilità e sostenibilità per un prodotto, il carciofo, che vede l’Italia fra i primi produttori al mondo e anche fra i primi consumatori, essendo questo ortaggio protagonista assoluto in cucina. Con queste promesse è nato Violì, rete di imprese e brand dedicato al carciofo top di gamma.






Online il video che abbiamo realizzato sulla edizione 2019 dell'evento BtoB the Rome Table.



Fruit Attraction 2019, organizzata da IFEMA e FEPEX, si è tenuta presso la Fiera di Madrid dal 22 al 24 ottobre 2019. Ha visto la partecipazione di 1.800 aziende dislocate su una superficie di oltre 50.000 mq. 150 le aziende italiane. 90.000 i professionisti del settore provenienti da 130 paesi. Oltre 1.000 i buyer provenienti da 80 paesi.